Pubblicato da: silviasettevendemie | agosto 13, 2010

Shrek e vissero felici e contenti

Titolo originale: Shrek Forever After

Regia:  Mike Mitchell

Cast (Voci originali):  Mike Myers, Eddie Murphy, Cameron Diaz, Antonio Banderas, Walt Dohrn,  John Cleese, Julie Andrews, Jon Hamm, Renato Cecchetto, Giovanni Baldini, Selvaggia Quattrini, Francesco Vairano, Giorgio Lopez, Maria Pia di Meo, Alessandro Rossi, Craig Robinson, Jane Lynch

Distribuzione: Universal Pictures, USA, 2010

Guarda il trailer

Shrek è un marito e un padre felice: i suoi 3 pargoli e i suoi fedeli amici lo tengono occupato per tutto il giorno, eppure un certo malessere inizia a serpeggiare dentro di lui: ora che tutti lo amano e non lo temono,  si sente schiacciato dal proprio ruolo di genitore e marito e darebbe qualsiasi cosa per vivere anche solo un giorno da orco cattivo e spaventoso come in passato, quando era ricercato da gente armata di forconi e terrorizzava villaggi interi. Il perfido Tremotino ascolta il suo sfogo e gli propone un patto: potrà vivere un giorno da orco “vero” come in passato in cambio di un giorno qualsiasi della sua vita. Peccato che il giorno scelto dal malvagio mago sia proprio quello della sua nascita, per cui Shrek si ritoverà a vivere in una realtà nella quale egli non è mai nato, e quindi non ha salvato Fiona dalla torre, nè ha mai conosciuto Ciuchino e il gatto con gli stivali. Il regno di Molto Molto Lontano è in mano a Tremotino che governa in maniera tirannica coadiuvato da terribili streghe…

Premetto di essere una  fan accanita della saga di Shrek (basti guardare l’immagine che accompagna il mio nickname) quindi è con molto dispiacere che devo ammettere che questo quarto e ultimo capitolo delle avventure del famosissimo orco verde e dei suoi amici è abbastanza deludente. Già il terzo capitolo era stato tutt’altro che esaltante, ma in questo Shrek e vissero felici e contenti si tocca il fondo. Il problema principale è che manca una trama convincente, i personaggi, le loro interazioni, il loro stesso ruolo appaiono scontati e banali e soprattutto non c’è affatto quello spirito ironico e bonariamente  dissacratore che aveva caratterizzato i primi due capitoli. Dove sono le citazioni filmiche, quella freschezza e  quella comicità estrema che ha reso Shrek un caso e un modello da imitare? Anche i personaggi di contorno dei primi episodi, come Pinocchio, Zenzyi 3 porcellini, il lupo vestito da nonna etc, non sono sfruttati nel modo giusto, ma vengono semplicemente gettati nel calderone. L’unica aggiunta interessante a tal proposito è quella del Pifferaio Magico (che personalmente ho trovato molto somigliante al nostro Roberto Bolle), molto simpatico, ma nemmeno lontanamente paragonabile ad esempio al Robin Hood del primo episodio.

In questo quarto e ultimo capitolo troviamo un orco che ha perso il suo aspetto “orchesco”, che firma autografi su forconi, cambia pannolini, intrattiene i suoi ospiti da bravo padrone di casa, e che ha problemi tipicamente umani: si sente incastrato nel suo ruolo di padre, amico, marito, uomo di casa e si sente privato della sua libertà. Tutto ciò è davvero molto interessante e lascia presagire un’altra grande avventura del nostro mostro preferito, e invece lo sviluppo della storia è davvero superficiale e debole, non all’altezza delle prime due pellicole. Peccato, anche se ci sono alcune trovate e alcune battute divertenti. Ad esempio, il mago Tremotino è un personaggio ben realizzato e molto divertente, dal quale si poteva ottenere molto di più.

In definitiva una pellicola che lascerà con l’amaro in bocca gli amanti della saga dell’orco della Dreamworks. Sicuramente sbancherà i botteghini italiani come è già successo negli States (dove ha incassato 71.250.000 dollari nel primo weekend di programmazione e 236.550.000 dollari fino ad ora), ma comunque che delusione…
L’uscita in Italia è prevista per il prossimo 25 agosto.

Conclusione: Sconsigliato sia agli adulti che ai bambini.

Voto: 6 (per affetto!)

Annunci

Responses

  1. Infatti è il dramma di molti seguiti, arrivano ad un punto di noia, comunque amerò sempre la allegra banda dell’ Orcone

  2. Concordo in pieno! Anch’io adorerò sempre Shrek e soprattutto Ciuchino..:-D Purtroppo è sempre difficile bissare un successo, soprattutto nel caso di Shrek che è stato un successo planetario… Però pensa a Toy Story 3: sono riusciti a creare una storia bellissima e una degna conclusione a un’altra saga stupenda…

  3. Esatto, anche se Toy Story non mi fà impazzire, la sceneggiatura è stata studiata molto bene, ciao e buon ferragosto…..sotto l’ acqua qui a Bologna

  4. Grazie mille, buon Ferragosto anche a te!! Qui a Sulmona, in Abruzzo, il meteo ha previsto pioggia… L’unico aspetto positivo è ke mi sentirò di nuovo in Irlanda..:-D 😀 Mi ero abituata a quel clima..:-D

  5. Un commento cosi detagliato e soprattutto azzecato non si è mai letto.

  6. Grazie mille!!! Sei gentilissimo! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: