Pubblicato da: silviasettevendemie | agosto 10, 2010

Fish Tank

Titolo originale: Fish Tank

Regia: Andrea Arnold

Cast: Katie Jarvis, Kierston Wareing, Michael Fassbender, Rebecca Griffiths, Harry Treadaway, Carrie-Ann Savill,  Toyin Ogidi, Grant Wild, Sarah Bayes, Michael Prior, Sydney Mary Nash, Joanna Horton, Jason Maza, Jack Gordon, Brooke Hobby, Charlotte Collins, Chelsea Chase

Distribuzione: Onemovie, GB-Paesi Bassi, 2009

Guarda il trailer

Mia (Katie Jarvis) è una ragazza di 15 anni che vive con la madre sbandata e irresponsabile (Kierston Wareing) e con la sorellina più piccola Tyler ( Rebecca Griffiths), di fatto abbandonata a se stessa. E’ una ragazza difficile, aggressiva, violenta, con un’unica grande passione: l’hip-hop. Un giorno a casa arriva Connor (Michael Fassbender), il giovane fidanzato della madre che a poco a poco supera il muro di diffidenza della ragazza…

Fish Tank è un film che racconta la difficoltà e le brutture dell’Inghilterra povera e degradata. E’ un film scomodo, intimista,  che colpisce come uno schiaffo e che fa male. Vediamo questo mondo attraverso gli occhi e la storia di Mia, ragazza sola, costretta a vivere con una madre eterna teenager e con una sorellina che fuma e si esprime con grande volgarità. Mia, di riflesso, è una ragazza difficile, che picchia le sue coetanee, che commette piccoli crimini, che beve fino a stordirsi. Ha un’unica passione, un’unica valvola di sfogo: la danza. Ma non aspettatevi il solito filmetto romantico e corredato da happy ending in stile Honey o Step Up, perché qui la musica è diversa: qui si fanno i conti con la realtà, con la sua miseria e con le sue brutture. Un giorno a casa arriva Connor, ennesimo nuovo fidanzatino della mamma, ma qualcosa con lui sembra cambiare. Connor sembra intuire il grande potenziale di Mia, sembra andare oltre quel muro fatto di acidità e sarcasmo della ragazza e capire realmente cosa si cela dietro quello sguardo perennemente imbronciato e la lingua tagliente come un rasoio. Connor invita Mia a coltivare la sua passione per la danza, a partecipare ad un’audizione, la stimola, crede in lei, al contrario della madre che non fa che denigrarla e ripetere che era stata tanto vicino ad abortire durante la sua gravidanza. Ma, come ho anticipato, qui non siamo di fronte a Step Up o a Street Dance Fighters, qui non ci sono buoni da far trionfare, sfide da vincere contro i “cattivi di turno” … Qui la vita è dura, è una lotta continua e non sempre si esce vincitori, anche quando le cose sembrano girare per il verso giusto. Il film si è aggiudicato un BAFTA e  il premio della Giuria al Festival di Cannes del 2009 e vede all’opera una bravissima regista, Andrea Arnold, al suo secondo lungometraggio, e una protagonista d’eccezione, la giovane Katie Jarvis, al suo esordio e praticamente perfetta nel ruolo disturbato, tormentato e sofferente di Mia. Inoltre davvero splendida è anche la performance di Michael Fassbender, nel ruolo decisamente complesso e sfaccettato di Connor.

In molti hanno colto delle affinità con la regia e i film di Ken Loach per via della tematica sociale e della denuncia,(e non a caso Kierston Wareing ha esordito proprio in una pellicola di Loach del 2007, In questo mondo libero) e sicuramente è vero, ma non si tratta di mera emulazione, c’è decisamente molto di più. Si tratta di una pellicola che è come un pugno allo stomaco,  con una protagonista splendida, lontana anni luce dai fasti,dalle mille luci e dal glamour della metropoli londinese.

Conclusione: Assolutamente da vedere.

Voto: 9

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: