Pubblicato da: silviasettevendemie | febbraio 26, 2010

Wolfman

Titolo originale: The Wolfman

Regia: Joe Johnston

Cast: Benicio Del Toro, Anthony Hopkins, Emily Blunt, Hugo Weaving, Art Malik, Kiran Shah, Elizabeth Croft,  David Sterne, Sam Hazeldine, Olga Fedori, Branko Tomovic, Michael Cronin, Nicholas Day, Bridgette Millar, Richard James, Anthony Debaeck, Emily Parr, Cristina Contes, David Schofield, Roger Frost, Andy Gathergood, Asa Butterfield, Simon Merrells, Dianne Pilkington, Shaun Smith, Mario Marin-Borquez, Gemma Whelan, Geraldine Chaplin

Distribuzione: Universal Pictures, USA-Gran Bretagna, 2010

Guarda il trailer

Lawrence Talbot (Benicio Del Toro), affermato attore londinese, viene richiamato a Villa Talbot, casa della sua famiglia dove non torna ormai da anni a causa di problemi con suo padre, Sir John (Anthony Hopkins). Il motivo del suo ritorno è la morte improvvisa di suo fratello Ben (Simon Merrels), azzannato e ucciso da una misteriosa bestia che aggira di notte nei boschi intorno al villaggio. La fidanzata di Ben, Gwen (Emily Blunt), prega Lawrence di indagare sulla morte del fratello e una notte egli stesso è attaccato e ferito dalla bestia . Miracolosamente guarito dalle ferite mortali inferte dall’animale, Lawrence scoprirà presto che qualcosa è cambiato in lui e che qualcosa di terribile è destinato ad avvenire in lui nelle notti di luna piena…

Dopo vari problemi e ritardi finalmente è uscito nelle sale questo remake del film del 1941, L’uomo lupo,  di George Waggner, con Lon Chaney Jr (a cui Benicio Del Toro assomiglia abbastanza), pellicola cult che diede origine e vari sequel e rivisitazioni.
Lawrence Talbot ha alle spalle un passato oscuro e traumatico, che l’ha portato ad abbandonare il padre e il fratello minore e a trasferirsi a Londra, dova ha iniziato una brillante carriera di attore. La notizia dell’improvvisa morte del fratello Ben, giuntagli attraverso una lettera della di lui fidanzata Gwen, lo costringe a tornare a Villa Talbot, residenza di famiglia e quindi ad affrontare i fantasmi del passato, a partire dal padre freddo e cinico . Una sera mentre sta indagando sule misteriose cause della morte del fratello in un campo di zingari, viene ferito dalla misteriosa bestia assassina e tutto all’improvviso cambia in lui: le ferite mortali guariscono da sole, l’udito e tutti i sensi  si fanno più acuti, ma soprattutto durante le notti di luna piena egli si ritrova a sua volta trasformato in una bestia enorme e assetata di sangue che semina il panico nel villaggio. Intanto l’ispettore Abberline (Hugo Weaving)  di Scotland Yard sospetta di lui e cerca di raccogliere tutte le prove della sua colpevolezza.

Diciamo che il personaggio di Lawrence è davvero ben delineato e risulta molto interessante nelle sue luci e nelle sue ombre, con i suoi traumi, i suoi timori, i suoi sentimenti ed è molto ben interpretato da Benicio Del Toro, che riesce a conferirgli quello sguardo malinconico e allo stesso tempo dannato e demoniaco, e  quella grande confusione che è insita nel personaggio. Inoltre l’atmosfera dark, gotica e  a tratti pulp della pellicola è molto piacevole, e ricorda  “Il mistero di Sleepy Hollow” con il bosco pieno di insidie e avvolto dalla nebbia.  Purtroppo gli aspetti positivi della pellicola si fermano qui: la trama pur essendo abbastanza fedele all’originale, risulta troppo semplificata e a tratti scontata; l’inizio quasi in medias res è una bella idea, ma non spiegare proprio nulla di quello che succede dandolo per scontato non aiuta decisamente la pellicola; inoltre Anthony Hopkins appare decisamente sotto tono, principalmente a causa del suo personaggio delineato in maniera troppo confusa, e il ruolo affidato ad Emily Blunt sfiora a tratti il ridicolo. Piena sufficienza invece per Hugo Weaving nei panni dell’ispettore Abberline.

In definitiva una pellicola rovinata a mio avviso dai troppi passaggi di mano tra sceneggiatori e registi fino ad arrivare alla direzione di Joe Johnston, e dai vari contrattempi cui si è trovata di fronte fin dal principio, ma con un Benicio Del Toro veramente in grande forma.

Conclusione: Da vedere solo per il protagonista.

Voto: 5

Annunci

Responses

  1. Buongiorno tesò che bello poi sei andata a vederlo!!!Anche questa volta siamo d’accordo!:-) Ti avevo detto che non valeva molto la pena…nonostante il cast eccezionale, come ti accennavo la storia è un pò vista e rivista…anche a me ha ricordato le atmosfere de “Il mistero di Sleepy Hollow”.Decisamente d’accordo col tuo voto! Baci!:-)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: