Pubblicato da: silviasettevendemie | gennaio 21, 2010

Daybreakers

Titolo originale: Daybreakers

Regia: Michael Spierig, Peter Spierig

Cast: Ethan Hawke, Willem Dafoe, Claudia Karvan, Michael Dorman, Vince Colosimo, Isabel Lucas, Sam Neill, Christopher Kirby, Mungo McKay, Emma Randall, Robyn Moore, Jay Laga’aia, Renai Caruso, Paul Sonkkila, Michelle Atkinson, Mark Finden, Selina Kadell, Gavin Coleman, Jack Bradford, Joel Amos Byrnes, Peter Welman, David Knijnenburg, Joel Spreadborough

Distribuzione: Sony Pictures, USA- Australia, 2009

Guarda il trailer

2019. La popolazione della Terra è composta quasi esclusivamente da vampiri, i quali per sopravvivere catturano i pochi esseri umani rimasti e li sfruttano per il loro sangue. Edward Dalton ( Ethan Hawke) è un vampiro ematologo che da anni è alla ricerca di una cura che consenta di evitare di distruggere e di estinguere la razza umana. L’incontro/scontro con Audrey (Claudia Karvan) un’umana in fuga, lo porterà a conoscere una realtà totalmente diversa dalla sua e lo metterà in grave pericolo…

Dopo una fase di post-produzione che è iniziata nel 2007 , finalmente è arrivato dalla scorsa settimana nelle sale americane Daybreakers, il fanta-horror diretto dai gemelli Spierig, Michael e Peter. Sicuramente non il momento migliore per far uscire un film che parla di vampiri: tra vampiri adolescenziali che impazzano nelle sale e in libreria (Twilight e successivi), telefilm di successo con protagonisti vampiri (True Blood e The Vampire Diaries), il mercato risulta essere abbastanza inflazionato, anche se tuttavia forse si pensava di poter cavalcare il successo dei suddetti prodotti per lanciare la pellicola.

Iniziamo dicendo che Daybreakers risulta interessante per una serie di motivi: un po’ Underworld, un po’ Matrix, il film ci presenta un’umanità che a causa di un virus non meglio precisato (uno dei punti deboli della pellicola!) si è quasi totalmente vampirizzata. Per cui vediamo scene di vita ordinaria, come l’attesa in metropolitana, i dibattitti politici alla tv, i senzatetto che chiedono l’elemosina, ma si tratta di vampiri.. E gli umani? I pochi umani rimasti vengono ricercati come merce rara e vengono messi in animazione sospesa per rifornire le scorte di sangue che stanno diminuendo a vista d’occhio. Edward, un ematologo che rifiuta di nutrirsi di sangue umano preferendo quello animale, lavora da anni per trovare una soluzione che permetta ai vampiri di sopravvivere ma senza estinguere la razza umana. Un giorno si scontra con Audrey, una delle poche umane rimaste in vita, che fa parte di un gruppo di resistenza guidato da Elvis (Willem Dafoe), un vampiro che è riuscito a tornare umano. Edward si unisce ai ribelli e cerca di capire attraverso Elvis come si possa tornare umani e sconfiggere il virus.

La trama è sicuramente d’interesse, con la crisi mondiale per la mancanza di sangue nella quale si può leggere una metafora del reale pericolo dell’esaurimento di materie prime come il petrolio. Inoltre molto belle le atmosfere dark e futuristiche, con automobili con vetri oscurati per permettere ai vampiri di viaggiare anche di giorno, o le immense strutture nelle quali sono conservati gli umani che vengono “spremuti” fino all’ultima goccia. Infine il cast è indubbiamente di grandissimo livello, con Ethan Hawke, sempre bellissimo e intenso, Willem Dafoe, ribelle rude e dai metodi poco ortodossi, e soprattutto Sam Neill perfetto nel ruolo del glaciale e perfido vampiro Charles Bromley, magnate a capo della multinazionale che produce e vende il sangue umano e per il quale Edward lavora come ricercatore.

Tuttavia, nonostante questi elementi positivi non si può parlare di un prodotto perfettamente riuscito, poiché ci sono varie parti che vengono omesse o trattate in maniera molto superficiale (in primis l’origine e la diffusione del misterioso virus che ha trasformato quasi tutta la popolazione mondiale in vampiri), e delle scelte un po’ scontate e banali. Inoltre la prima metà del film è ben fatta, mentre nella seconda parte, che dovrebbe essere più stile action e più avvincente, si verifica un certo calo.

In definitiva un tentativo interessante ma non del tutto riuscito.

Conclusione: Da vedere per i suddetti aspetti positivi.

Voto: 6.5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: