Pubblicato da: silviasettevendemie | maggio 24, 2008

Mongol

Titolo originale: Mongol

Regia: Sergej Bodrov

Cast: Tadanobu Asano, Honglei Sun, Khulan Chuluun,
Odnyam Odsuren, Aliya, Ba Sen

Distribuzione: BIM, Kazakhistan, Russia, Germania, 2007

Guarda il trailer

 

Il film racconta l’infanzia, l’adolescenza e l’ascesa al potere di Temugin (Tadanobu Asano), meglio noto con il nome di Gengis Kahn, grande conquistatore mongolo che riuscì a riunire per la prima volta le tribù mongole sotto il suo comando e conquistò gran parte dell’Asia.

Odnyam Odsuren

Un ruolo fondamentale nella vicenda è svolto dalla sua sposa Borte ( Khulan Chuluun), da cui Temugin viene più volte separato ma nulla sembra scalfire i loro sentimenti. Essi si sono scelti sin da bambini, o meglio, è stata lei a scegliere lui quando si sono conosciuti la prima volta (molto tenera la scena della scelta della moglie da parte di Temugin bambino). Per recuperare la ragazza, rapita dalla tribù dei Merkit, il giovane muoverà guerra alla tribù e in questa occasione inizierà a dimostrare le sue doti di grande guerriero e di Kahn coraggioso e generoso con i suoi uomini.

Khulan Chuluun, Tadanobu Asano

Sicuramente il trailer inganna un po’, perché ci si aspetterebbero epiche battaglie e tanta azione. Invece questo film è molto di più: è una storia ben narrata, che si sofferma sugli aspetti più umani e anche drammatici della vita di Temugin, sul suo amore per la sua donna e i loro continui abbandoni forzati e successivi ricongiungimenti; ovviamente le scene di battaglia non mancano, e sono anche molto realistiche, ma non rappresentano l’elemento principale della pellicola.

Infatti il regista Sergej Bodrov, autore anche della sceneggiatura insieme ad Arif Aliyev,  si è concentrato sulla biografia del Khan, basandosi su documenti storici, soprattutto su antichi poemi sulla storia mongola.

Tadanobu Asano

Ottima prova corale del cast, a partire dai protagonisti, la star giapponese Tadanobu Asano e l’esordiente Khulan Chuluun,  ma con un “cattivo” (Honglei Sun nei panni di  Jamukha, Khan fratello e rivale di Temugin) realmente all’altezza delle aspettative.

L’unico neo è rappresentato da molti, forse troppi, salti temporali che non vengono poi spiegati nel corso della storia.

Il film è stato candidato agli Oscar 2008 come “Miglior film straniero“.

Conclusione: Consigliato.

Voto: 7.5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: